Scopri i paesaggi incantati della Costa d’Amalfi, località Furore, e prenota un Visita in cantina da Marisa Cuomo, dove l’eroismo dell’uomo si spinge all’estremo e riesce a donare vini incredibili, espressione della roccia da cui nascono e dal mare da cui prendono la forza… Benvenuto in questo magico luogo

Visita in Cantina da Marisa Cuomo


Dove l’uomo non può arrivare, c’è Marisa Cuomo

Tornanti mozzafiato e panorami incantati, il versante della montagna che sembra vigilare sul mare e sull’orizzonte che si perde, strade tortuose quasi impraticabili, borghi scavati nella roccia e una piccola cantina, circondata dai suoi vigneti quasi irraggiungibili, dove la semplicità ed il duro lavoro si trasformano in grandi vini, vini eroici, vini magici… Siamo stati gentilmente accolti da Marisa Cuomo, nel comune di Furore sulla Costa d’Amalfi.

La cantina è un dono di nozze di Andrea Ferraioli a Marisa nel 1983, un luogo incantato dove la roccia comanda su tutto il crinale esposto a sud e su cui sono stati adattati magistralmente i terrazzamenti che ospitano le pergole dei vigneti.

Il prodotto che ne nasce acquista una magnifica sapidità ed un seducente ventaglio aromatico, che insieme al carattere delle persone che duramente lavorano su questo paesaggio con un eroismo d’altri tempi e la competenza di grandi nomi come Luigi Moio rendono i vini di Marisa Cuomo indimenticabili.

I vitigni che vengono utilizzati per la produzione di queste perle sono Falangina e Biancolella per i vini bianchi giovani, Aglianico e Piedirosso per tutti i rossi e rosati e Ripoli, Fenile e Ginestra per il Fiorduva.

L’estensione di tutto il vigneto si aggira intorno ai 20 ettari disposti su tutta la costiera amalfitana  di cui 3,5 sono di proprietà, e le lavorazioni, data la collocazione quasi ovunque inaccessibile, vengono effettuate completamente a mano.

I filari che circondano la cantina sono circa il 10% del totale che si trova almeno per la metà lungo il sentiero degli dei, una piccola stradina lungo il crinale che arriva a Positano, un luogo magico dove la viticoltura diventa quasi proibitiva ma che sicuramente è immagine tipica di questo fazzoletto di terra.

visita in cantina marisa cuomo costa d'amalfi

C’è grande fermento in cantina dato il periodo e veniamo accolti negli uffici in cui ci viene presentata la struttura, lontani dai rumori delle presse e dalla frenesia degli addetti ai lavori che operano nell’unico e non grandissimo locale adibito alla prima lavorazione, macerazione e imbottigliamento del vino.

In questi locali praticamente si compie ogni tipo di processo e tutto viene organizzato per riuscire ad ottimizzare gli spazi; dalla pigiatura delle uve alle fermentazioni, dai rimontaggi alla svinatura, dall’affinamento all’imbottigliamento, tutto ordinato per permettere il giusto flusso di lavoro, un’organizzazione necessaria data la piccola superficie su cui operano tutti.

Bellissimo!

E di colpo la magia… La visita in Cantina si sposta nella surreale bottaia, immersi in un silenzio mistico, nonostante la vicinanza con i locali di lavorazione.

Possiamo ammirare tutta la cura con cui è stata pensata questa parte, in cui le volte di roccia scavate nella montagna disegnano delle accoglienti dimore dove le barrique riposano, il gioco di luci delinea una cornice fiabesca e le sagome delle botti si immergono sposandosi pienamente con i locali.

Rimaniamo ammaliati da cosi tanta bellezza, nella piena fusione tra natura, lavoro dell’uomo e vino, l’equilibrio raggiunto e stabilito dall’altissima qualità di questi vini.

Qui riposano i rossi ed il Fiorduva che sosta sei mesi in barrique nuove e un anno in bottiglia, nelle stesse barrique che diventano di secondo passaggio farà il suo affinamento il rosso riserva, mentre i rossi definiti giovani rimangono a riposare nelle barrique ormai di terzo passaggio per evitare un’eccessiva invadenza del legno.

Il tutto meticolosamente controllato per assicurare la grandiosa qualità delle 200.000 bottiglie annue prodotte.

Guardando le pareti rocciose su cui sono installati i vigneti non ci si stupisce che questo tipo di coltura sia stata presente fin dal 600 d.C. perché il colpo d’occhio è di un paesaggio completamente fuso ed integrato in tutti i suoi elementi.

visita in cantina marisa cuomo costa d'amalfi

La vista che si ha durante la passeggiata sotto le pergole dei dorati grappoli è mozzafiato, il mare si perde in un infinito orizzonte e sembra come essere sospesi su di un altro pianeta.

Difficile trovare spiegazione a quello che si è visto, l’emozione suscitata da questa visita in cantina sulla costiera amalfitana sarà un indelebile dipinto di un’enologia che ha dimostrato di meritare i piani più alti a livello qualitativo.

Guardandosi intorno si percepisce un ambiente di estrema semplicità, in continuo movimento, ma comunque tangibilmente circondato da un’atmosfera magica. Credo che le lavorazioni semplici, e il grande rispetto per le materie prime sono i principali ingredienti che si celano dietro questi grandi prodotti, il resto lo fa la natura a cui l’uomo si è consapevolmente legato ascoltandola e lasciandosi guidare con estrema competenza per avere dei vini unici e meravigliosi.

Veramente Complimenti

Onorati di aver fatto la vostra conoscenza vi auguriamo un buon lavoro.

Grazie

visite in cantina marisa cuomo