Facciamo un visita in cantina da Buscareto, un’azienda giovane e brillante, circondata da professionisti che esaltano vitigni autoctoni del territorio, spingendosi sempre al massimo in un continuo confronto tra diverse culture enologiche ed ambiziosi obbiettivi da raggiungere… Il resto, lo fa la natura ed il risultato è davvero notevole.

Visita Cantina Marche – Buscareto


Integrity is a Choice

Nonostante un tempo avverso nei nostri confronti proseguiamo nel nutrire la nostra curiosità dirigendoci verso una regione secondo me di grande carattere, quindi superato l’Appennino puntiamo verso Ancona, siamo nelle Marche e più precisamente ad Ostra, a pochi chilometri da Morro d’Alba ed oggi ad accoglierci con molto entusiasmo c’è l’azienda Buscareto.

Entriamo nel loro “laboratorio di idee” e subito veniamo messi a nostro agio per essere scaraventati in questa realtà, in un modo di lavorare dinamico, frenetico e pieno di energia…

Buscareto nasce da due imprenditori, Enrico Giacomelli e Claudio Gabellini, operanti in un mondo totalmente estraneo alla viticoltura, quello dell’informatica.

visita in cantina buscareto ostra

Nel 2002 decidono di coltivare la loro grande passione comune, quella per il vino, dando alla luce quella che oggi è la cantina Buscareto.

Un percorso di sperimentazione e perfezionamento durato circa dieci anni che ha permesso, oltre ad apprendere i vari sistemi di vinificazione, anche di circondarsi di professionisti e tecnici di grande spessore come Giancarlo Soverchia che in collaborazione con Vito Camussi e Marco Rosini, riescono ad estrarre dalla terra dei vini veramente unici e di personalità, espressione di un territorio che sta dando grandi soddisfazioni.

La superficie vitata si può riassumere in tre macroaree, la Vigna verde adibita alla coltivazione del Verdicchio estesa per 12 ettari, la Vigna Rosa dove si produce Lacrima di Morro d’Alba su 16 ettari vitati e la Vigna Rossa predisposta soltanto alla coltivazione di Vitigni nazionali ed Internazionali come Montepulciano, Sangiovese e Cabernet Sauvignon.

La sensazione meravigliosa che si ha in questo luogo, è che l’azienda comunque si muova con la sinergia di tutti, con le idee di questi giovani ragazzi che esplodono e si vaporizzano insieme, ma  confluiscono nell’esperienza e la competenza di chi il vino e la materia sa esaltare; Ambizione, entusiasmo e positiva energia saldate dall’esperienza di grandi personalità nel mondo enologico… Cosa può uscirne fuori? Una realtà moderna e dinamica che concepisce e produce dei vini veramente ben fatti.

Non è la classica struttura a gestione familiare con una lunga storia di produzione alle spalle, ma tante realtà differenti che convergono in un unico obbiettivo, seguendo strade diverse ma giungendo allo stesso traguardo, ottenere vini che la natura in questa regione sa donare.

Non esiste una gerarchia decisionale ma le direzioni e le politiche aziendali da intraprendere per quanto riguarda la produzione, la comunicazione e la vendita vengono prese tutti insieme; ogni giorno c’è un confronto tra tutti in cui c’è uno scambio di opinioni, un brainstorming continuo che viene infine materializzato e che rappresenta in tutta la sua essenza questa realtà, logica fino all’ovvio.

Direi meravigliosamente interessante non credete?

Lo stesso metodo viene adottato più tecnicamente in cantina con i propri tecnici, due figure che si confrontano con le proprie idee e visioni, anche diverse, ma che andranno riassunte in un’unica concezione di vini, rapportandosi con due consulenti esterni, una delle colonne portanti dell’enologia marchigiana, e un ragazzo giovane ma con una grande esperienza nella vinificazione in tutto il mondo… Un metodo di fare vino che è la sintesi di quattro esperienze diverse ma con una regola che rimane salda e ferrea al suo posto: Integrity is a Choice.

Un’integrità che parte dalla terra, dalla vigna nel suo rispetto, dalle vinificazioni fino al prodotto finale, in cui l’unico timone di guida è rappresentato dalla natura.

Ecco come nascono questi ottimi vini.

Proseguendo infine la visita in cantina da Buscareto scendiamo a degustare i vini che posso garantire rappresentano appunto un grande esempio di territorialità sia per quanto riguarda il Verdicchio sia per quanto riguarda la Lacrima…

Una realtà che ci ha colpito molto positivamente, la sua dinamicità ed energia è tangibile ovunque, un entusiasmo ed un metodo giovane e fresco, un pò fuori dagli schemi della classica attività di cantina, ma assolutamente da rispettare, apprezzare e conoscere più a fondo.

Complimenti Ragazzi

visite in cantina Buscareto in provincia di Ancona