Con la visita in cantina a Montefalco da Adanti riceverai un accoglienza unica, da persone trasportate da un’immensa passione per il vino e per le tradizioni che rappresentano questa regione dal punto di visto enologico e non solo.

Visita Cantina Montefalco – Umbria – Adanti


Qualità ed Eleganza, l’accoglienza di Adanti

Siamo tra Montefalco e Bevagna, sempre nel cuore verde dell’Umbria, dove la terra cosi generosa dona dei vini meravigliosi, Grechetto, Sangiovese e ovviamente il vitigno che più rappresenta queste colline, il carattere forte della popolazione, e di chi lo produce, con risultati eccellenti, e cioè il Sagrantino; Siamo sulla collina di Arquata e  stiamo parlando della cantina Adanti che ci ha fatto il grandissimo piacere di ospitarci.

Zona che rappresentava in passato un piccolo centro abitato maggiormente da agricoltori, perché potessero lavorare la terra e la vigna, senza fare grandi distanze, dove tutta la vita era incentrata appunto nelle mansioni contadine che servivano alla sopravvivenza e dove il rapporto con la terra è estremamente saldo e profondo.

La cantina è stata acquistata dalla famiglia Adanti, commercianti provenienti da Bevagna, alla fine degli anni ’60 con la prospettiva, data l’immensa passione di Domenico per i grandi vini, di realizzare prodotti di un livello altissimo e valorizzare il territorio con le potenzialità dei vitigni autoctoni che lo rappresentano.

Un delle prime realtà a sperimentare e poi produrre Sagrantino secco e ad avvalersi di macchinari per ottimizzare la produzione comunque imprescindibilmente concentrata verso la qualità.

In questo fazzoletto di terra possiamo dire che la vigna c’è sempre stata, e all’atto dell’acquisto, Domenico Adanti, entrò in possesso sia della tenuta che dei nove ettari già piantati.

Inizialmente adibiti a coltivazioni promiscue, con il passare del tempo, con nuovi impianti e nuovi sistemi di allevamento, la tendenza di produzione mira volutamente verso una minore quantità, e di conseguenza alla migliore espressione nel frutto.

Successivamente ci fu l’acquisto di altri piccoli appezzamenti di terreno, sia sulla strada che conduce a Montefalco sia a Colcimino, raggiungendo il traguardo dei 30 ettari vitati e togliendosi anche lo sfizio di acquistarne altri 10 adibiti ad uliveto.

Oggi l’azienda produce ovviamente Sagrantino da 3 differenti parcelle, con tre differenti esposizioni e su due diversi tipi di terreno, che con il diverso approvvigionamento idrico influiscono profondamente sulla pianta e sul grappolo; Questo testimonia la grande attenzione della cantina verso il miglior risultato, sempre.

L’ampio salone che ci accoglie è meraviglioso; alle pareti sono appesi premi, ricordi e riconoscimenti, nelle credenze sono riposti bicchieri come in tutte le case che si rispettino e sugli scaffali vi sono appoggiati dei libri. Sembra essere entrati in casa propria e vi assicuro che l’accoglienza ci fa sentire proprio in questo modo.

Veniamo accompagnati subito nella parte più antica della cantina che si trova proprio accanto al salone poiché il fermento del periodo di vendemmia non ci permette di andare altrove ma è comunque uno spettacolo vedere la piccola zona di affinamento con le grandi botti che fanno da padrone in una suggestiva cornice di luce soffusa.

Dopo una lunga macerazione in acciaio l’affinamento avviene soltanto in botti grandi per una lieve ma soprattutto controllata micro ossigenazione che apporterà il giusto grado di complessità al vino, dandogli il giusto equilibrio, che si perfezionerà nel riposo successivo in bottiglia; Tutto estremamente coerente con la linea produttiva tracciata dalla famiglia Adanti, e con l’obbiettivo ossessivo della qualità ascoltando, aspettando e rispettando il vino.

Una realtà meravigliosa quella di Adanti che è riuscita a stregarmi per la loro semplicità e competenza, dove tutto è riconducibile e coerente con una trasparenza incredibile.

In ogni particolare sia dal punto di vista produttivo che di approccio verso un’idea di vino la parola d’ordine è la “qualità”, e su un vitigno come il Sagrantino non sempre è cosi immediata, ma da Adanti lo si ascolta, lo si accudisce e lo si accompagna fino al suo massimo splendore, in vigore ed eleganza.

Più che una visita in cantina guidata è stata una lunga conversazione tra appassionati e uno scambio di opinioni, e questo lo ricorderò sempre con molto affetto.

Ringraziamo per la bellissima visita in cantina e per l’ospitalità l’azienda agricola Adanti… e complimenti davvero

Alla prossima quindi, ovviamente davanti ad un calice di Sagrantino di Montefalco

visite in cantina adanti